• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Una breve riflessione sul perchè torno al volo militare ma alla fine ricasco sempre a fare volo civile.

ginopatrassi

Supporter Platinum
#1
Purtroppo DCS nella sua grande bellezza è un sim che richiede assolutamente di volare con altri simmers. Al contrario del volo simulato civile in cui lo scopo è semplicemente andare da A a B.
Ho un po' di esperienza in entrambe i sistemi di volo e l'unico momento in cui ho davvero goduto nell'uso di un sim militare è stato quando ho affrontato l'accademia di AMVI. Veniva richiesta almeno una presenza fissa a settimana per incontri di gruppo ed in quel periodo (avevo 26 anni e vivevo da solo a Firenze) riuscivo tranquillamente ad esserci. Il percorso addestrativo fu molto interessante e capii cosa significasse pianifacare ed eseguire una missione militare.
Il volo militare richiede assolutamente collaborazione ed integrazione nelle informazioni per poter adempiere a missioni, siano esse semplici o complesse.
Mi divertivo moltissimo volando con persone persone spaese in giro per l'Italia ma poi, per cause di forza maggiore (tempo) dovetti smettere.
Ogni tanto ci sono tornato a prendere Falcon BMF e grazie alle campagne dinamiche che automaticamente generano missioni in cui si ha il supporto dell'AI è possibile passare qualche piacevole ora anche se a livello di integrazione e comunicazione l'AI resta sempre poco propensa a dare veramente una mano.
Arrivato DCS vista la complessità e la bellezza del prodotto ho preso l'A10C e poi nel tempo ho acquistato l'F18 e da poco l'F16. Moduli pazzeschi ma resta sempre un problema di base: da soli il volo militare non è fattibile o quantomeno finisce in tragedia. Dcs offre delle campagne che alla fine non sono altro che missioni da realizzare in sequanza completando diversi obiettivi. Carine ma molto limitate per me.
I server multiplayer sono una cosa interessante , soprattutto quelli di Buddy Spike e DDCS avendo al loro interno una specie di campagna dinamica eppure richiedono, per trarre il massimo, la possibilità di pianificare voli con l'ausilio di altre persone che entrino a far parte della vostra "squadriglia". Inoltre DCS non fornisce i dati necessari a creare delle missioni di livello. Prima di partire un pilota militare sa esattamente dove deve andare, che cosa andrà a colpire, la sua posizione e quali saranno le minacce che si troverà ad affrontare. Esistono poi gli imprevisti ma il rischio è più o meno sempre calcolato.
Io sono invece un utente medio di DCS e cosa succede? Apro il sim, scelgo un server, mi collego, cerco di capire dove si stanno svolgendo le operazioni ed in base ad alcune info molto generiche scelgo aereo ed armamento. Mi collego via audio e parlo con chi è nel canale, spesso non tutti quelli che stanno effettivamente volando, e chiedo cosa gli serva: CAP, sead strike, strike o..... MI dicono che stanno attacando un certo posto e vogliono del CAP (Supporto contro eventuali caccia che minaccino le operazioni nella zona). Prendo il mio aereo e decollo ma sono ,faccio quello che devo fare ma sono sempre solo e la comprensioni di cosa stia effettivamente accadendo intorno a me è assolutamente scarsa.
Il volo civile invece non richiede nulla di tutto ciò. Pianifico il volo e le uniche cose necessarie da sapere sono il meteo, carico passeggeri e merci, il carburante la rotta e via si va!
Peccato non riuscire ad divertirsi più con i caccia....
 

Aviators

Silver Supporter
#2
Io invece ho abbandonato il volo civile per potermi dedicare completamente a quello militare :)
Inoltre, se vuoi divertirti e sei in solitaria, prova un voletto con gli elicotteri (CSAR o semplici trasporti) anche se in solitaria sono fattibili ;)
 

flex

Diamond Supporter
#3
Ciao Gino, mi è piaciuto molto leggere le tue riflessioni. Ho tratto questa conclusione. Abbiamo la fortuna di godere della libertà di scelta e questo mi sembra un ottimo traguardo. Godiamoci i nostri sim, civili o militari. L’importante è avere la libertà di poterlo fare.
Ciao