• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Torque. A che serve saperne il valore?

wilstar

Membro attivo
Autore discussione #1
Ciao, sul pannello strumenti di alcuni turboelica come l' ATR oppure C208B, vi è un indicatore per ogni motore che indica il "Torque". Ho dato un' occhiata in rete a cosa significhi e mi pare di aver capito che esprima il "momento" resistente alla rotazione dell' elica opposto dall' aria. La domanda però a questo punto è: Cosa mi serve sapere questo parametro? come utilizzo le indicazioni che dà?
Grazie
 
Ultima modifica:
#2
Domanda interessante...
 

nikita

Membro attivo
#3
Premetto che so poco sui turboelica, ma giusto un paio di nozioni di base penso di averle capite decentemente. Il "torque" è in italiano la coppia.

Essendo i turboelica a giri costanti, la potenza si controlla tramite la coppia. Dal punto di vista fisico, potenza=coppia*giri, quindi avendo i giri costanti per controllare la potenza vai a cambiare la coppia.
Spiegandola più terra terra, quando spingi la manetta per aumentare la potenza al motore in un turboelica in realtà aumenti la coppia. Per mantenere i giri costanti, le pale dell'elica aumentano automaticamente l'angolo rispetto all'aria (il passo), "aggrappandosi" con più forza a fette d'aria più grandi. In questo modo hai mantenuto gli stessi giri ma il motore sta generando più potenza, col vantaggio che puoi mantenere i giri ad un numero che generi poche vibrazioni/rumore fastidiosi.

Quindi, i motivi per cui il torque è importante:
1. È quel che si usa per settare la potenza, esattamente come i giri in un motore a pistoni. I parametri varieranno di aereo in aereo e devi vedere nel manuale.
2. Se è troppo rompi il motore!
 

wilstar

Membro attivo
Autore discussione #4
Chiarissimo, grazie. Ecco perché ci sono delle tabelle sul torque.
 

ginopatrassi

Supporter Platinum
#5
Premetto che so poco sui turboelica, ma giusto un paio di nozioni di base penso di averle capite decentemente. Il "torque" è in italiano la coppia.

Essendo i turboelica a giri costanti, la potenza si controlla tramite la coppia. Dal punto di vista fisico, potenza=coppia*giri, quindi avendo i giri costanti per controllare la potenza vai a cambiare la coppia.
Spiegandola più terra terra, quando spingi la manetta per aumentare la potenza al motore in un turboelica in realtà aumenti la coppia. Per mantenere i giri costanti, le pale dell'elica aumentano automaticamente l'angolo rispetto all'aria (il passo), "aggrappandosi" con più forza a fette d'aria più grandi. In questo modo hai mantenuto gli stessi giri ma il motore sta generando più potenza, col vantaggio che puoi mantenere i giri ad un numero che generi poche vibrazioni/rumore fastidiosi.

Quindi, i motivi per cui il torque è importante:
1. È quel che si usa per settare la potenza, esattamente come i giri in un motore a pistoni. I parametri varieranno di aereo in aereo e devi vedere nel manuale.
2. Se è troppo rompi il motore!
Domanda... Sei sicuro che i turbo elica siano a giri costanti? Nel caso di motori con elica a passo fisso sono i giri del motore a variare la potenza, nel caso dei motori con eliche a passo variabile i regimi dei motori possono comunque essere cambiati ma anche il passo dell'elica. In alcuni motori la gestione della torsione è fondamentale per non frantumare lo stesso, soprattutto in velivoli vecchi.

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
 

nikita

Membro attivo
#6
Domanda... Sei sicuro che i turbo elica siano a giri costanti? Nel caso di motori con elica a passo fisso sono i giri del motore a variare la potenza, nel caso dei motori con eliche a passo variabile i regimi dei motori possono comunque essere cambiati ma anche il passo dell'elica. In alcuni motori la gestione della torsione è fondamentale per non frantumare lo stesso, soprattutto in velivoli vecchi.

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
Attenzione, nei motori a pistoni con elica a passo variabile è la MAP a gestire la potenza, non il numero di giri. L'elica in in motore a pistoni è ancora collegata fisicamente al motore, quindi non potrà andare a velocità diverse. Spingendo avanti la manetta introdurrai più miscela nel motore che genererà quindi più energia, ma di succede la stessa cosa di prima col passo dell'elica, e l'elica "trascinerà" con sè il motore mantenendolo a un certo numero di giri. L'aumento di potenza si manifesta come prima in morsi più grandi e con più forza nell'aria.

Per i turboelica abbiamo due situazioni, l'elica può essere collegata fisicamente o essere libera. Se è collegata fisicamente funziona tutto come prima, semplicemente ci sarà un riduttore di giri prima di arrivare all'elica perchè se questa girasse alla stessa velocità della turbina si distruggerebbe.
Se è libera, nel motore ci saranno due turbine: una normale, che riceve carburante e genera gas di scarico ad alta pressione e non è collegata all'elica. Un'altra che non riceve nessun carburante e non genera nessuna spinta, ma viene fatta girare investendola con i gas di scarico della turbina motore (immagina la turbina di una centrale idroelettrica che gira grazie all'acqua). Questa turbina secondaria è quella collegata all'elica, anche qui tramite un riduttore di giri. In questo caso si possono controllare separatamente giri e potenza turbina (tramite manetta) e giri elica (tramite il passo), ma qui sono davvero in territorio sconosciuto e non so darti altri dettagli.
 

ginopatrassi

Supporter Platinum
#7
Domanda... Sei sicuro che i turbo elica siano a giri costanti? Nel caso di motori con elica a passo fisso sono i giri del motore a variare la potenza, nel caso dei motori con eliche a passo variabile i regimi dei motori possono comunque essere cambiati ma anche il passo dell'elica. In alcuni motori la gestione della torsione è fondamentale per non frantumare lo stesso, soprattutto in velivoli vecchi.

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
Attenzione, nei motori a pistoni con elica a passo variabile è la MAP a gestire la potenza, non il numero di giri. L'elica in in motore a pistoni è ancora collegata fisicamente al motore, quindi non potrà andare a velocità diverse. Spingendo avanti la manetta introdurrai più miscela nel motore che genererà quindi più energia, ma di succede la stessa cosa di prima col passo dell'elica, e l'elica "trascinerà" con sè il motore mantenendolo a un certo numero di giri. L'aumento di potenza si manifesta come prima in morsi più grandi e con più forza nell'aria.

Per i turboelica abbiamo due situazioni, l'elica può essere collegata fisicamente o essere libera. Se è collegata fisicamente funziona tutto come prima, semplicemente ci sarà un riduttore di giri prima di arrivare all'elica perchè se questa girasse alla stessa velocità della turbina si distruggerebbe.
Se è libera, nel motore ci saranno due turbine: una normale, che riceve carburante e genera gas di scarico ad alta pressione e non è collegata all'elica. Un'altra che non riceve nessun carburante e non genera nessuna spinta, ma viene fatta girare investendola con i gas di scarico della turbina motore (immagina la turbina di una centrale idroelettrica che gira grazie all'acqua). Questa turbina secondaria è quella collegata all'elica, anche qui tramite un riduttore di giri. In questo caso si possono controllare separatamente giri e potenza turbina (tramite manetta) e giri elica (tramite il passo), ma qui sono davvero in territorio sconosciuto e non so darti altri dettagli.
Wow grazie!

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
 
Autore discussione #8
Grazie per le vostre esaustive risposte.;)
 
#9
Piu o meno stessa cosa sugli elicotteri. sia a pistoni (ormai rari) che a turbina. L'indicatore del "torque", cioè della coppia è unico anche se l'elicottero è un biturbina. E' utilissimo in quanto si usa come il contagiri in un'auto sportiva: per controllare e gestire la potenza in funzione dell'inviluppo di volo.
Non dà esatti parametri sui valori dei motori (come giri al minuto, pressioni o temperature, per quelli ci sono altri strumenti dedicati) ma fornisce un indispenabile aiuto specie nei decolli in quota o nell'hovering
 
Ultima modifica:

wilstar

Membro attivo
Autore discussione #10
In pratica è lo sforzo che fa la pala o l' elica? giusto? e si deve monitorare che non superi i valori indicati nei quadranti. In tal caso ridurre la potenza può bastare?
 
#11
Esattamente: negli elicotteri si "cava il collettivo" si dice, ossia si abbassa un po la leva del passo collettivo quanto basta, dato che è collegata allapotenza delle manette motori