• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

PPL (A) o VDS?

gianmarco

Membro attivo
Autore discussione #1
Buongiorno a tutti,
vorrei chiedere un consiglio ai più esperti in materia.
Stavo pensando di iscrivermi ad uno dei due corsi in oggetto. Facendomi due calcoli molto semplici a livello di prezzo ho notato che praticamente la licenza PPL (A) rispetto al brevetto VDS completo (basico + trasporto passeggiero + avanzato) ha un costo grosso modo uguale. Penso che il PPL dia delle basi più complete e solide rispetto al VDS. A vantaggio del VDS invece dovrebbe esserci il noleggio dell'aeromobile meno costoso rispetto ai GA oltre al fatto di utilizzare principalmente aviosuperfici senza costo di tasse aeroportuali.
Per chi ha esperienza con queste licenze quale mi consiglierebbe di scegliere?
Grazie
 
Ultima modifica:

Poeta

The Boss
Staff Forum
Admin
#2
E' tutta una questione di costi e gusti.

I velivoli che voli con il PPL sono tendenzialmente piu' veloci, porti piu' persone ed hai piu' autonomia, ma costano di piu' a livello di noleggio... cosi' come mantenere il brevetto attivo per un dato velivolo.

Se economicamente per te e' ininfluente, ovviamente propenderei per il PPL, anche se alcuni velivoli VDS sono meravigliosi da volare e nulla hanno da rimpiangere alla loro controparte di categoria superiore.

In quel caso potresti tranquillamente scegliere il VDS ma verificare la disponibilita' di velivoli di buona fattura presso i campi di volo a te piu' vicini.

Qui a Roma ad esempio sinceramente ho sempre visto solo ciofeche disponibili nelle aviosuperfici locali... poi vai ad Urbe e vedi delle meraviglie tecnologiche e sogni il PPL :p:p

(ps io volavo sul Tampico a Biella e mi sono divertito da morire anche se non e' il massimo come velivolo)
 

simobo92

Membro Senior
#3
Come dici tu, il prezzo del VDS avanzato è grossomodo uguale a quello del PPL. Io sto conseguendo proprio il PPL e devo dire che a mio parere, anche dal punto di vista pratico, che già da subito sei addestrato a portare un aereo più "complesso" (più strumenti, radio, radioassistenze) rispetto ad un ultraleggero. Se, come dice Poeta, il prezzo del noleggio non è un problema, allora opterei per il PPL. Ad oggi devi fare 12 ore di volo in 24 mesi per tenere valida la licenza, di cui 6 ore PIC negli ultimi 12 mesi.
 

pgbart

Diamond Supporter
#4
…...(ps io volavo sul Tampico a Biella e mi sono divertito da morire anche se non e' il massimo come velivolo)…….
Ma con tutti gli aerei che ci sono proprio il Tampico? AeCI lo fece comperare a tutti gli aeroclubs che se ne liberarono subito appena finito di pagare il leasing. Era meglio noto come l'aereo al quale mancava la catena per tirare l'acqua per essere un c...so!
L'unico pregio era la ottima visibilità.

pgbart
 

Poeta

The Boss
Staff Forum
Admin
#5
Ma con tutti gli aerei che ci sono proprio il Tampico? AeCI lo fece comperare a tutti gli aeroclubs che se ne liberarono subito appena finito di pagare il leasing. Era meglio noto come l'aereo al quale mancava la catena per tirare l'acqua per essere un c...so!
L'unico pregio era la ottima visibilità.

pgbart
AHAHAHAHAH eh lo so ma sul C152 io ed il mio istruttore (entrambi 1.85+ per 80kg+) stavamo leggermente stretti... l'abbiamo usato solo per gli stalli, per il resto almeno sul Tampico, chiamata la Citroen dei cieli, stavamo belli comodi :D:D
 

pgbart

Diamond Supporter
#6
Un episodio al quale ho assistito personalmente poi chiudo off topic: il tampico dell'aeroclub di Treviso atterrò in emergenza al Lido di Venezia. Il comando degli alettoni era uscito dalle carrucole quindi non comandava più la virata. Aveva rimasto attivo il timone di profondità e di direzione e con la sola pedaliera è riuscito a dirigere correttamente l'aereo lungo il finale.
Determinante l'assistenza in volo del nostro vecchio istruttore che lo ha affiancato per tutto l'avvicinamento con un 152 poiché a bordo del tampico c'era un allievo ai primi voli da solista.
Fermati TUTTI i tampico in attesa della relativa PA.
Se non è un cesso questo………………………………………..
Non tutti gli aerei di AG possono avere i comandi a tiranti rigidi come il Beech Bonanza, ma non si è mai sentito che una avaria imperdonabile come questa sia mai capitata ad un Cessna o Piper che pure hanno i comandi a cavi e carrucole!
Comunque, per rispondere all'amico indeciso: PPL SEMPRE per diventare un PILOTA e dopo, anche un bel ultraleggero avanzato che in molti casi è meglio degli aerei classici. Nei materiali, di sicuro!
pgbart
 

flex

Diamond Supporter
#7
La domanda che ci siamo posti tutti. Riguardo la preparazione teorica tra un PPL basico VFR ed un VDS non vedo ad oggi grandi differenze. Ci sono ottime scuole ed ottimi istruttori in ambedue gli ambienti. Io ho iniziato frequentando un campo VDS e molto di quel che ho imparato lo devo alla passione che permeava tutto il club. Poi sono passato in GA.
Come è stato giá detto i costi totali per ora volo in GA sono estremamente più alti! Tasse aeroportuali, antincendio e libertá dei gestori di imporre costi aggiuntivi pesano anche 50/60 € a tratta. 12 ore di volo sono francamente poche perchè ti affidino macchine superiori ad un C152, cioè un ultraleggero certificato GA (500kg!!!) per voli come PIC.
Io farei queste considerazioni; se il gusto di volare tra le 12 e le 20 ore anno è importante, se gestire il volo in spazi anche regolamentati è una soddisfazione importante, se frequentare un aeroporto è importante allora PPL. Se preferisci volare di più in termini di ore/costo, frequentare un club di piloti e partecipare alle numerose iniziative che mettono in campo allora vai di VDS.
Considera infine che se ti dovessi iscrivere ad un Aeroclub GA, pagheresti una tassa di iscrizione annuale non indifferente.
Un ultimo esempio. Un C172 che vola per più di 50 ore anno costa per la sola sua esistenza su questa terra costa circa 7.000€, tra hangaraggio, assicurazione, manutenzione obbligatoria e via dicendo. Qualcune le deve pagare. Il proprietario o chi lo noleggia.
Ciao.
Fabio
 
#9
Ciao, dopo aver conseguito la licenza PPL puoi chiedere d'ufficio, quindi senza nessun esame, il rilascio della licenza VDS. Non chiedermi i particolari perchè non li conosco. Di fatto la PPL ti dà il diritto di pilotare anche aerei monomotore di categoria inferiore. Al contrario con un attestato VDS, se poi tu decidessi di passare alla PPL ne teoria ne ore di volo ti tengono valide... devi rifarti tutto! certo è che ottenere una licenza PPL è molto più difficile. Ciao
 
Autore discussione #10
Grazie a tutti dei consigli.
Sicuramente credo che da molto punti di vista sia meglio prendere direttamente la licenza PPL e poi richiedere l'abilitazione per VDS che da quanto ho capito basta solamente pagare il rilascio dell'abilitazione e nulla più.
Per caso avete qualche scuola di volo da consigliarmi a Roma? Sia come qualità parco aeromobili che come istruttori e organizzazione?
Per quanto riguarda l’esame teorico quant’e’ difficile?
Grazie.
 
Ultima modifica:

cops

Supporter Platinum
#11
Ma la via di mezzo, LAPL? Un PPL più economico con alcune limitazioni su peso massimo al decollo e massimo 3 passeggeri a bordo... All' Urbe se non sbaglio lo fanno
 
#12
Oramai la sfida AG vs VDS è diventato da tempo un classico, e purtroppo molto spesso gli argomenti che vengono messi a disposizione per giusrtificare una licenza piuttosto che un altra ,sono di norma al quanto bizzarri.

Di fronte al classico quesito, meglio conseguire una licenza EASA PPL oppure VDS Avanzato, ci sono alcune domande precise a cui l'aspirante dovrebbe darsi risposta; soprattutto in questi ultimi tempi dove l'economia e la burocrazia in Italia zoppica in modo molto vistoso.

Di seguito alcune domande a cui dovresti darti una risposta:
1. Qual'è lo scopo per cui vuoi conseguire una licenza di volo? (per iniziare una carriera o comunque prevedere di iniziarne una, oppure per il solo divertimento)
2. Quante ore di volo all'anno saresti in grado di finanziarti?

Se la tua strada è rivolta ad uno sviluppo professionale, allora probabilmente conviene investire il budget in una licenza PPL necessaria per poter accedere ai rating successivi col tempo. In quest'ultimo caso però è più consigliabile accedere ad un corso ATPL completo, magari negli USA.
Se invece il volo è solamente un passatempo, allo stato attuale delle cose una licenza VDS Avanzata è la soluzione migliore, sia in termini economici che di ore di volo.
Con il VDS avanzato hai la possibilità di operare in spazi aerei controllati, ove consentito; pertanto non diverso dai piloti AG.
I costi sono nettamente inferiori per il mantenimento, in quanto ad oggi il VDS di permette di volare su velivoli performanti (spesso molto più performanti degli AG), con strumentazione avanzata, dandoti la possibilità di arrivare ovunque.

Dopo il conseguimento, mantenere una licenza PPL comporta una scadenza ogni 2 anni entro il quale bisogna effettuare almeno 12 ore come PIC negli ultimi 12 mesi.
Ogni 2 anni scadono anche le varie abilitazioni.
Spesso le scuole di volo, per consentire il noleggio dei loro aeromobili necessitano delle ore di check da effettuare con un istruttore.

Chi vola VDS ha il quadruplo delle ore di volo annue di un pilota AG, che spesso fatica ad effettuare le 12 ore minime ed i volo di check per mantenere valida la licenza e le varie abilitazioni..
Parlando in soldoni, diciamo che con un costo medio orario di €/h 250,00 ci vogliono almeno € 3.000,00 annui per il minimo di mantenimento di un PPL
Fare 12 ore in un anno equivale a non volare in termini di esperienza, perchè non ti consentono di ottenere un addestramento adeguato.

Parlando di VDS, il P92 (se non ricordo male) ha un costo medio orario di €/h 120,00 che significa meno della metà di velivolo di AG tipo C182; ma il VDS presenta anche velivoli diversi da quelli della Tecnam e con costi inferiori,
E' facile capire che con un costo simile è possibile volare il doppio delle ore di volo con lo stesso budget minimo annuo per il mantenimento del PPL

Difficile approfondire tutto in un semplice post, dalla mia esperienza posso solamente dirti che attualmente in Italia se si vuole volare AG è difficile in termini di costi per poter mantenere current la licenza. Se si vuole volare per la passione ed il gusto di farlo, attualmente l'alternativa è il VDS.
Al contrario invece, se si ha la possibilità di trovarsi spesso negli USA allora il PPL o comunque l'AG ha dei costi più contenuti e la vastità dell'offerta presente sul territorio americano, permette di trovare diverse soluzioni a costi ridotti.

Tutto dipende nell'analizzare con cura quello che si vuole fare e come lo si vuole fare.

Leggo che sei di Roma, per cui prendi informazioni parlando con i vari piloti in Aeroclub e poi recati su campi volo VDS e raccogli le medesime esperienze, in modo che tu possa confrontare i due mondi con testimonianze ed esperienze dirette.
 
Ultima modifica: