• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

PA28 A2A E PERDITA DI POTENZA

Autore discussione #1
Ciao ragazzi! ieri sera durante il consueto volo di gruppo con i ragazzi si Sky Club ho avuto un guasto all'aeromobile che non sono riuscito ad identificare che mi ha fatto precipitare a largo dell' isola vulcano...

Effettivamente ho preso da poco questo aereo e non lo conosco ancora bene,cmq mi trovavo a circa 2700 ft Amsl a una velocita di circa 110 kt,con circa 2200/2300 rpm, vedendo la bellezza delle isole Eolie decido di perdere un po di quota e inizio la discesa verso i 2000ft con un rateo dolce 400ft togliendo manetta e stabilizzando la potenza sui 1900rpm..
In tutto la durata della discesa sarà stata di 2 minuti circa,la temperatura esterna era sui 15 gradi e mentre scendevo mi è arrivata qualche goccia di pioggia...
Una volta raggiunti i 2000 ft livello settando la potenza nuovamente al valore di 2200/2300 rpm, pero dopo un po inizio a notare uno strano calo degli Egt e un lento ma costante calo di giri del motore che inizialmente ho compensato dando piu manetta..(istintivamente)
Il calo di giri è continuato fino a quando non mi sono trovato con la manetta tutta al max e i giri del motore sugli 800/900 rpm, potenza che ovviamente non ha permesso all aeromobile di mantenere la velocità e che mi ha costretto a perdere quota per non entrare in stallo fino a quando non ho fatto un bel bagno sul Tirreneo...
Mentre ero in volo ho cercato di capire l'entità del guasto dall'hangar di A2A senza nessun esito.. l'unica cosa che mi è venuta in mente è quella della formazione di ghiaccio al carburatore durante la breve discesa visto che non ho aperto l'aria calda dal motore, ma non ne sono sicuro..

Ho dato un occhiata sul forum dell Produttore
https://a2asimulations.com/forum/viewto ... 15&t=48748
e da quello che ne ho capito tramite la tabella, la formazione del ghiaccio al carburatore è plausibile per le condizioni meteo di ieri sera..
(Resto a bocca aperta per il grado di simulazione raggiunto da questo mezzo)
Cmq tutto sommato anche se il volo è finito in tragedia
mi sono divertito molto e ho raggiunto i miei compagni di volo nei pressi di Taormina partendo da Catania, questa volta con il C182

Edit:
http://lightaviation.overblog.com/ghiac ... a-non-fare
Dopo la lettura di questo splendido articolo(che consiglio a tutti quelli che come me non conoscevano gli effetti pericolosi del ghiaccio al carburatore) sono sicuro che il guasto di ieri sera è stata la formazione di ghiaccio..

Spero la mia esperienza possa essere utile ed interessante anche per qualcuno di voi..
 

flex

Diamond Supporter
#2
Ciao Ironkiller,
hai toccato un tema, direi come al soito, interessantissimo. Considera che i manuali e le checklist dei Cessna prevedono sempre l'suo dell'aria calda in discesa. Il ghiaccio si può formare benissimo anche in pieno luglio. Bella esperienza, hai fattto bene a condividerla.
Ciao
 
Autore discussione #3
Grazie flex ogni esperienza è utile per imparare sempre qualcosa di nuovo..


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk